Homepage   |   Mappa del sito   |   Contatti  

Rimuovere l’arsenico dall’acqua

È possibile rimuovere l’arsenico dall’acqua destinata all’uso umano, con specifici depuratori di dimensioni e costi variabili.

Come sono fatti e come funzionano i dearsenificatori?

Questi depuratori sono composti da un serbatoio contenente particolari materiali adsorbenti. Questo contenitore può essere di resina o di acciaio inox. Oltre al contenitore, possono esser presenti altri dispositivi secondari come filtri, valvole, sterilizzatori UV ecc.

Dearsenificatori domestici da sottolavello e centralizzati

L'elemento attivo che toglie l'arsenico dall'acqua inquinata è appunto il prodotto adsorbente che si trova all'interno della bombola. Vediamo nei prossimi paragrafi i vari tipi di adsorbenti per arsenico:

BAYOXIDE

Questa che vediamo nella foto è la Bayoxide, un particolare composto a base di ossidi di ferro che a contatto con l'acqua trattiene l'eventuale arsenico presente nelle forme As(III) e As(V).

Bayoxide adsorbente di arsenico della Bayrol

La Bayoxide è un prodotto specifico messo a punto e commercializzato dalla Bayer AG. Questo prodotto si caratterizza per l'elevata capacità di assorbimento. Ovvero il materiale riesce a trattenere grandi quantità di arsenico prima che si saturi. Vedi tabella.

Altra caratteristica della Bayoxide è che si tratta di un prodotto anidro, ovvero non contiene acqua, quindi a parità di peso rispetto ad altri adsorbenti contenenti invece acqua, ha una resa maggiore.

Quanta acqua inquinata riesce a trattare la BAYOXIDE prima che si saturi?

La durata della Bayoxide E33 Bayer (litri di acqua depurata dall’Arsenico), dipende dalla quantità di arsenico presente nell’acqua e da alcuni parametri dell'acqua stessa. Se l'acqua in questione non ha grosse problematiche, a parte la presenza di arsenico, la durata del materiale adsorbente è di svariati metri cubi.

Alcuni documenti riguardanti la Bayoxide

Viene riportata una lista di documenti in PDF riguardanti questo prodotto adsorbente per arsenico

OSSIDO IDROSSIDO di ferro granulare

Questa che vediamo nella foto è l'OSSIDO di IDROSSIDO di FERRO, un particolare composto a base di ossidi di ferro che a contatto con l'acqua trattiene l'eventuale arsenico presente nelle forme As(III) e As(V).

Ossido di idrossido di Ferro – assorbente per acqua inquinata da arsenico

L'Ossido Idrossido di Ferro Granulare è un prodotto specifico messo a punto e commercializzato dalla GEH. E' riconosciuto per la sua alta qualità e purezza, ed è conforme a tutti i requisiti della norma DIN EN 15029 per il trattamento dell'acqua potabile. Inoltre è stato certificato
secondo NSF/ANSI Standard 61
.

Alcuni documenti riguardanti la l'Ossido Idrossido di Ferro

Viene riportata una lista di documenti in PDF riguardanti questo prodotto adsorbente per arsenico

Inquinamento da arsenico e fluoruri

È classico il caso in cui non c’è solo un inquinamento da arsenico ma anche da fluoruri (o altre sostanze). In questa evenienza un modo per risolvere il problema con una modesta spesa è dotarsi di un gruppo di depurazione ad osmosi. Il sistema ad osmosi, malgrado NON sia efficace sull’arsenico con valenza (III), è comunque in grado di ridurre la concentrazione di questo veleno e di depurare l’acqua dagli altri inquinanti.

Nelle foto che seguono, vediamo una tipica installazione di un depuratore ad osmosi inversa, sistemato al disotto del lavello della cucina.

Rubinetto prelievo acqua depurata

Gruppo depuratore acqua da sottolavello

Limitazioni d'uso dell'acqua inquinata da arsenico e fluoruri

Limitazioni d'uso dell'acqua erogata raccomandata dall’Istituto Superiore della Sanità per concentrazioni di arsenico superiori a 10 e uguali o inferiori a 50 microgrammi/litro e per fluoruri superiori a 1,5 e uguali o inferiori a 2,5 milligrammi/litro.

UTILIZZI CONSENTITI

Tutte le operazioni di igiene domestica (lavaggio indumenti stoviglie ambienti) scarico wc e impianti riscaldamento.

DIVIETO D'USO

Divieto d’uso potabile.
Divieto d’uso per cottura, reidratazione e ricostituzione di alimenti.
Divieto d’uso per preparazione di alimenti e bevande (escluso lavaggio frutta e verdura sotto flusso d’acqua e utilizzando acqua potabile per l’ultimo risciacquo).
Divieto d’uso per pratiche di igiene personale che comportino ingestione anche limitata di acqua (lavaggio denti e cavo orale); consentito uso dell’acqua per igiene personale (es. doccia) tranne nei casi di presenza di specifiche patologie cutanee (eczema, patologie cutanee a rischio anche di tipo evolutivo o degenerativo).
Divieto d’impiego da parte delle imprese alimentari. Leggi articolo intero ...

Valori dell'arsenico e dei fluoruri nell'acqua dei comuni della provincia di Viterbo

È la lista di tutti i comuni della provincia di VITERBO con i valori AGGIORNATI delle concentrazioni di arsenico e fluoruri nelle acque distribuite:

Acquapendente, Arlena di Castro, Bagnoregio, Barbarano Romano, Bassano In Teverina, Bassano Romano, Blera, Bolsena, Bomarzo, Calcata, Canepina, Canino, Capodimonte, Capranica, Caprarola, Carbognano, Castel S. Elia, Castiglione In Teverina, Celleno, Cellere, Civita Castellana, Civitella D’Agliano, Corchiano, Fabrica Di Roma, Faleria, Farnese, Gallese, Gradoli, Graffignano, Grotte Di Castro, Ischia Di Castro, Latera, Lubriano, Marta, Montalto Di Castro, Monte Romano, Montefiascone, Monterosi, Nepi, Onano, Oriolo Romano, Orte, Piansano, Proceno, Ronciglione, San Lorenzo Nuovo, Soriano Del Cimino, Sutri, Tarquinia, Tessennano, Tuscania, Valentano, Vallerano, Vasanello, Vejano, Vetralla, Vignanello, Villa S. Giovanni In Tuscia, Viterbo, Vitorchiano

Per altre informazioni, fare richiestta di un preventivo o poter parlare con ARRIGONI ROBERTO vai alla pagina dei contatti

2009 TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Valid XHTML 1.0 / CSS